Castelli della Repubblica di San Marino

Ratificata dal Consiglio Grande e Generale nella seduta del 23 ottobre 2013, ”La Carta Europea delle Autonomie Locali” dal primo febbraio 2014 è divenuta realtà e la Repubblica di San Marino ha completato il percorso avviato verso una maggiore valorizzazione delle Giunte di Castello. Seguendo il principio di sussidiarietà, la Carta raccomanda che gli affari pubblici vengano gestiti il più vicino possibile al cittadino e che una gestione a livello superiore venga effettuata solo se la gestione al livello inferiore è impossibile oppure meno efficace. Indipendenza politica, amministrativa e finanziaria che corrispondono essenzialmente alle funzioni dei nove distretti amministrativi del “Titano”. Nove francobolli d’autore che ritraggono elementi simbolici identificativi: il campanile di Borgo Maggiore e sullo sfondo la funivia, la fontana di Acquaviva, la Chiesa di Faetano, il Castellaccio di Monte Seghizzo per Fiorentino, il Palazzo Pubblico di Città, la Casa del Castello di Chiesanuova, la Chiesa di Domagnano, il campanile della Chiesa di San Lorenzo di Montegiardino, la torre dell’orologio del Castello di Serravalle. Alle immagini in “bianco e nero” relative agli scorci immortalati in ciascun francobollo, fa da contraltare l’unico elemento a “colori”, lo stemma rappresentativo di ogni singolo Castello.