Moneta commemorativa da 5 Euro fior di conio “25° anniversario della caduta del Muro di Berlino”

Una moneta 5 Euro fior di conio per celebrare il 25° Anniversario della caduta del muro di Berlino. La scritta “Berliner Mauer 1961-1989”, campeggia al centro dello scorcio di Muro disegnato nel rovescio della moneta, firmata da Maria Grazia Urbani. Dietro di esso, la Porta di Brandeburgo, il monumento più famoso della città che durante la Guerra Fredda si trovava a Berlino Est. Sulla destra della moneta, la statua posta sulla Colonna della Vittoria posizionata al centro di una della principali rotatorie della città (la Siegessäule). Eretto in una notte, nel 1961 il Muro ha contrapposto per 28 anni, due modelli di vita, due concezioni della realtà, sancito tetramente la separazione in due dell’Europa. Una Cortina di Ferro che dopo 25 anni sembra appartenere ad un’era preistorica, ma non per questo meno suggestiva di riferimenti per il presente. Una roccia di cemento con “artigli” di filo spinato, alta quattro metri, che per 155 chilometri, ha rappresentato non solo la metafora di una contrapposizione di sistema, ma la reale cesura, il confine interno di una Nazionale, la Germania, e di una città, Berlino, che nella notte tra il 12 e 13 agosto del 1961, ha visto separarsi famiglie, amici, un’intera generazione. Guardie pronte a sparare, corrente ad alta tensione e torrette di controllo sino al 1989 hanno costituito il limite invalicabile per un popolo e le sue genti. A distanza di venticinque anni, permangono le istantanee di quel pomeriggio del 9 novembre quando il Muro preso a picconate sancì la fine di una Storia, lasciando a terra cumuli di macerie, simbolo degli errori e gli orrori della Guerra Fredda. La caduta del muro, rimane così, oltre alla valenza storica, un elemento testimoniale di un’epoca, la raffigurazione statica del “secolo breve”, un monito ed un ammonimento per il futuro. Nel dritto della moneta, firmata da Antonella Napolione, lo Stemma di Stato della Repubblica di San Marino.