2 Scudi ORO "150 ANNIVERSARIO DELLA PRIMA EMISSIONE DI MONETE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO" - Millesimo 2014.

La prima emissione monetaria della Repubblica di San Marino risale al 23 ottobre 1864. Fu coniata in soli 280 esemplari. Si trattava di una moneta da cinque grammi di rame per un valore di 5 centesimi, raffigurante su una faccia le tre torri sormontate da una corona e circondate da un ramo di alloro e uno di quercia. Emessa dalla Regia Zecca di Milano, essa faceva seguito alla prima Convenzione monetaria italo- sammarinese del 1862, la quale stabilì all’art.24 che “le monete che la Repubblica credesse col tempo di dover coniare potranno avere corso legale nel Regno, purché ragguagliate al sistema decimale ed abbiano lo stesso titolo e peso di quelle regie”. L’accordo, nella sua estensione generale, può essere considerato l’atto costituente del rapporto tra i due Paesi. Il trattato, siglato tra il presidente del consiglio italiano Urbano Rattazzi e i Capitani Reggenti Melchiorre Filippi e Domenico Fattori, rappresentò il primo vero atto bilaterale fra stati sovrani che presupponeva l’eguaglianza giuridica dei contraenti. Trascorsi 150 anni da quella prima moneta, l’Ufficio Filatelico e Numismatico di San Marino, ha inteso “festeggiare” la ricorrenza con l’emissione di un 2 Scudi in oro (finitura proof). Al centro del rovescio della moneta, disegnata da Uliana Pernazza, tra due rami divergenti di alloro, legati da un nastro, sono rappresentati il valore “2 SCUDI” e l’anno di emissione “2014”. Nel dritto, lo Stemma di Stato della Repubblica, in giro, la scritta “REPUBBLICA DI SAN MARINO” e alla base, il nome dell’autore Antonella Napolione.